Archivi categoria: digital literacy

cervello collettivo

EB

(nella foto, Emily Bell)

Ben ritrovati, oggi una rapida occhiata riassuntiva ai lavori del festival de Giornalismo di Perugia che si sono conclusi ieri, in attesa di vedere qualcuno degli interventi clou più da vicino. Di nuovo appuntamento internazionale di frontiera su informazione, nuovi sistemi organizzativi, rapporto con i social e con “quello” – come dice Emily Bell – “che un tempo era noto come il pubblico”, sopravvivenza e finanziamento, metodi di misurazione del feedback, specializzazione, programmazione, ci ha lasciato pieni di idee e di strumenti, e di materiali da studiare. Attraversato dalla forte consapevolezza del delicato momento politico italiano, il festival di Perugia si è fatto ancora una volta laboratorio sull’informazione che contribuisce a formare le scelte civiche dei cittadini.

La canzone di oggi era “Beginning of a great adventure” di Lou Reed

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

laboratorio Pilhofer

philofer

Aron Pilhofer è una delle menti del giornalismo digitale e delle sue intersezioni di competenze e strumenti. Al New York Times coordina l’interactive news service, una squadra redazionale a cavallo fra giornalismo, social media e tecnologia, ed è co-fondatore di DocumentCloud.org e di Hacks and Hackers. Sulla strada per il festival del Giornalismo di Perugia, oggi Pilhofer si ferma a Bologna, ospite dei redattori della nostra radio sorella, Radio Città del Capo, un incontro al quale convergeranno giornalisti, hackers e appassionati, e che sarà possibile anche seguire con una diretta video. Ci facciamo raccontare tutto in diretta da Elisabetta Tola di Formica Blu, che lavora al programma di Radio Città del Capo sulle nuove tecnologie Pensa Tech.

La canzone di oggi era “I’m going down” di B. Springsteen nella versione dei Vampire Weekend

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

l’e-book africano

Kenya_Children_and_Masaai_classroom_medium

Questa settimana vorrei proporvi alcune delle ultime riflessioni che ho raccolto sul tema della crisi della libreria tradizionale, del comportamento degli editori sullo sviluppo degli e-book e dei dati di vendita che si stanno monitorando, aggiornando un tema che ad Alaska abbiamo trattato spesso. Di solito consideriamo il mercato anglosassone il campione di frontiera dei comportamenti di editori e lettori, e quello americano in particolare il campione di frontiera su tecnologia e vendite. L’Europa, come vi raccontavo qualche tempo fa, è ancora alle prese con le prime fasi della crisi di transizione, ma non ci chiediamo mai cosa sta succedendo al libro digitale in Africa, dove l’utilizzo di dispositivi mobili ha scavalcato l’arretratezza di diffusione dei computer, e dove si scrive e si legge molto e mercato al quale gli editori anglosassoni possono ambire. Oggi vi propongo un post di Ekenyerengozi Michael Chima, scrittore e blogger nigeriano, per The Creative Penn – non casualmente pubblicato poco dopo la morte del grande scrittore nigeriano Chinua Achebe. E qui trovate la spiegazione di cos’è il progetto Worldreader per la diffusione del libro elettronico in alcuni paesi africani.

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“la legge di Aaron”

Aaron-Swartz-blog

E’ come l’ha chiamata la deputata democratica Zoe Lofgren, che l’ha scritta, e come la chiama Larry Lessig – giurista di Harvard, fondatore di CreativeCommons e mentore di Aaron Swartz. Il suicidio di Aaron, come sapete, è avvenuto una settimana fa, si sospetta a causa dell’angoscia che gli procurava il possibile esito del processo nei suoi confronti per aver sottratto all’MIT e reso pubbliche ricerche scientifiche. Si tratta di una proposta di legge presentata rapidamente al Congresso, che dovrebbe tutelare dall’accanimento giudiziario per crimini che non comportano vittime. Lo stesso Lessig la spiega in queste ore su The Atlantic. Mentre TechCrunch riporta la reazione alla morte di Aaron di Carmen Ortiz, la procuratrice federale accusata di averlo perseguitato.

La canzone di oggi era “Jubilee Street” di Nick Cave (nuovo singolo)

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

fra i saggi c’era un bambino

aaronasababylessig

(Aaron da piccolo con Larry Lessig)

Aaron Swartz si è impiccato, a 26 anni. Il più giovane fra i grandi saggi della rete, come lo ha descritto in queste ore il padre di Internet Tim Berners-Lee, si è tolto la vita dopo mille invenzioni straordinarie per la condivisione in rete, una lunga lotta con la depressione, e una prosecuzione legale piuttosto accanita nei suoi confronti per aver consentito l’accesso a documenti di ricerca riservati dell’MIT, per i quali rischiava un’ammenda milionaria e molti anni di carcere. La rete, stavolta è il caso dirlo, è in lutto, dal grande padre di Creative Commons, Lessig, che è stato anche uno dei primi mentori di Aaron quando non era nemmeno adolescente, alle migliaia di utenti che lo stanno omaggiando di lettere e racconti personali sui vari tumblr creati a questo scopo.

Qui la notizia su Mashable.
Qui la straordinaria testimonianza di Cory Doctorow per BoingBoing (che vi traduco qui sotto nel podcast)
Qui un vecchio post di Aaron, “se venissi investito da un camion”.
Qui Spundge con una raccolta degli articoli e delle testimonianze uscite in queste ore. Qui il tributo con i messaggi personali per Aaron. qui la PDFProtest in solidarietà con Aaaron dai ricercatori universitari.

In Italia un po’ di polemiche sul trattamento superficiale della notizia su Aaaron, ma intanto qui La Stampa e qui Francesco Marinelli per Il Post.

Qui Matthew Yglesias per Slate, qui John Schwartz del New York Times, qui Salon.

Qui il GuardianTech sulle dichiarazioni di accusa della famiglia di Aaron al procuratore che lo stava indagando e all’MIT. Qui Slashdot con un breve parere sulla questione legale, e anche Blankslate sulla stessa questione. Importantissimo il post di Alex Stamos, esperto per la difesa nel caso legale di Aaron.

Qui David Weinberger, del Berkman Center for Internet and Society dell’università di Harvard, su come Aaron Swartz fosse un costruttore, non un hacker, dove ricorda tutto quello che ha fatto. Qui Jeff Jarvis che racconta cosa gli ha fatto capire Aaron sul vero valore dei contenuti. (ve ne traduco alcuni frammenti). Qui Lessig contro la prosecuzione legale nei confronti di Aaaron.

Qui Aaron, “come ottenere un lavoro come il mio”.

La canzone di oggi era “For today I am a boy” di Anthony & the Johnsons.

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

carriera solista

andrew sullivan

Lo straordinario Andrew Sullivan del Daily Dish, impresa di blogging di enorme successo all’interno di Daily Beast/Newsweek (in precedenza, su scala minore, a The Atlantic, con un’autorevolezza costruita per anni) ha deciso di migrare col suo gruppo di lavoro, finanziandosi grazie alle donazioni degli utenti, e gestendosi in autonomia su The Dish a partire da febbraio, senza pubblicità. Una scommessa commerciale, un segnale della rivoluzione del giornalismo, e una provocazione che sta facendo discutere. Qui il racconto de Il Post, qui il parere di Andrea Salvadore (che conoscete per il suo blog AmericanaTv) per Europa, qui il parere decisamente ostile di Mark Ames. Qui il punto di vista di Giuseppe Granieri per i blog dell’Espresso.

La canzone di oggi era ” A little less conversation” di Elvis Presley (rmx)

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

cosa metti dietro il paywall

Durante l’emergenza provocata dall’uragano Sandy, il New York Times e soprattutto il blindatissimo Wall Street Journal hanno tolto provvisoriamente i loro paywall, rendendo accessibili a tutti i loro contenuti informativi che di solito sono a pagamento. E sulla rete si è scatenata una sequenza di battute (“si vede che nei giorni a pagamento l’informazione non è importante”) e la corsa ad approfittare del libero accesso per leggere tutto d’un fiato i contenuti ambitissimi del WSJ (per esempio i loro reportage dalla Siria). In generale, in rete il paywall è visto anche come un argine artificiale alla condivisione, che di fatto esclude alcuni grandi testate di qualità dal dibattito collettivo di ogni giorno in cui si confrontano e condividono i contenuti. Al dibattito su paywall sì/paywall no, in particolare sull’effettiva resa commerciale del contenuto a pagamento e sulla qualità dei contenuti online per cui si chiede di pagare, come sapete è attentissimo Steve Buttry, che citavamo qui. In questi giorni è arrivata l’anticipazione che potrebbe scegliere il paywall anche la testata online di Repubblica, e che il Washington Post (se ne parlava da mesi) potrebbe scegliere a sua volta questa strada. Arianna Ciccone, direttrice del Journalism Fest di Perugia, segnala l’intervento di John L. Robinson.

Per seguire gli sviluppi delle manifestazioni di oggi al Cairo ci vediamo su @alaskaRP.

La canzone di oggi era “Wonderwall” di Ryan Adams

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

la scommessa liquida

In Italia e nel mondo, i giornali chiudono, e alla luce dei tagli del personale al Guardian, fa un po’ impressione ripensare alle parole temerarie di Alan Rusbridger al Festival di Internazionale a Ferrara, quando, forte del finanziamento di “backup” che riceve dalla fondazione che lo sostiene, il direttore del quotidiano più sperimentale del mondo dichiarava di perdere denaro “apposta” per avere spazio per tentare, sbagliare e proporre formati e contenuti che gli altri non hanno. Tagli anche al NYT, dove lo staff è in agitazione da settimane. E intanto, un po’ oscurati dalle notizie sulle elezioni, a ottobre sono usciti parecchi dati sulla comparazione di vendite della pubblicità su carta e di quella online, e sui danni/benefici dei paywall che costringono i lettori ad abbonarsi. Secondo Mathew Ingram, vale la metafora di David Carr del New York Times: i giornali sanno che devono passare dalla stanza della carta a quella del web, ma non possono farlo di colpo, e in questo momento si trovano nel lungo e buio corridoio che separa le due stanze, cercando la strada a tentoni. In più, la pubblicità dei giornali viene ancora venduta in pacchetti complementari fra cartaceo e online, e finché sarà così è impossibile calcolare se davvero la pubblicità online renda meno di quella su carta. In ordine cronologico, qui Mathew Ingram sul fatto che il digitale è l’unica opzione del futuro, qui Steve Buttry sul falso secondo il quale i giornali con paywall offrono maggiore qualità, qui l’amministratore delegato del Guardian sul futuro del giornale (e i suoi costi esorbitanti), qui Katherine Rushton sui tagli al Guardian e all’Observer, qui Ryan Chittum su come il paywall impedisce al New York Times di svoltare nel numero di lettori online, qui Alan D.Mutter sulla perdita di pubblicità dei giornali (-31,5% in 4 anni).

La canzone di oggi era “Blank maps” di Cold Specks

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

#glocal12

Lo scorso weekend Varese News ha festeggiato il suo compleanno con una tre giorni di dibattiti e workshop sulle trasformazioni del giornalismo online, che oggi ci facciamo raccontare dal presidente di Ona Italia, Mario Tedeschini-Lalli.

La canzone di oggi era “Rumba de Barcelona” di Manu Chao

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

scrivere in piccolo

Non nel senso di scrivere in caratteri piccoli, ma nel senso di come scrivere bene, con pienezza e qualità, nell’era del messaggio in 140 caratteri (scrivere “little” e non “small”). Un po’ è quello che vi ho raccontato al workshop del festival di Internazionale a Ferrara a partire dall’haiku giapponese e dagli epigrammi, e per fortuna l’interesse per la qualità della lingua e la costruzione di “capsule di senso” è condivisa da molti, a cominciare da Barbara Sgarzi che ieri ha raccontato su Twitter lo streaming di una delle giornate di lavori delle Ravenna Future Lessons (conferenze per giovani, potete seguirle anche oggi su Twitter con l’hashtag #rfl2012) con l’intervento di Luisa Carrada, di cui vi propongo una rapida sintesi. Quali parole e frasi fatte dovrebbero stare in una lista nera, come avvalersi della ricchezza tipografica senza abusarne, come trattare la sintassi senza disprezzo ma con una nuova economia. Seguendo il suo intervento, Barbara Sgarzi ha anche ricordato un libro utilissimo, “Microstyle – The art of writing little” di Christopher Johnson, che anch’io amo molto. Johnson ragiona sì su microtesti scritti in inglese, ma con consigli che valgono per ogni lingua. Parte delle sue osservazioni sono ereditate dalla saggezza della scrittura tradizionale, parte prepara una bussola per la nuova scrittura. E ci ricorda l’aspetto che a me sta più a cuore: la transizione da una scrittura usata professionalmente nel quotidiano da pochi (giornalisti, scrittori, studenti) ma con imbarazzo ed episodicamente dalla maggior parte delle persone, a una scrittura breve che attraverso l’oralità è diventata patrimonio quotidiano di tutti.

La canzone di oggi era “For today I am a boy” di Anthony & the Johnsons

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail