Archivi tag: Nel paese delle creature selvagge

mostri e creature

sendak

Quasi impossibile prescindere, mentre percorriamo le vaste strade dei blog, da uno dei pochi blog italiani ricchi di senso, quello che Alessandro Gilioli tiene sul sito dell’Espresso, “Piovono rane“. A volte Gilioli ospita altri, e così, spinta dall’inquietudine sempre più profonda che mi provocano le notizie degli episodi di aggressioni agli omosessuali a Roma, vi propongo il piccolo testo di Piergiorgio Paterlini di questi giorni.

Spike Jonze, il regista surreale di Essere John Malkovich e del video di “Weapon of choice” di Fat Boy Slim con Christopher Walken che ballava, sta per uscire in tutte le sale del mondo con il suo a lungo rimandato Where the wild things are, kolossal in costume da orsacchiotti e coniglioni tratto da un celebre romanzo per bambini di Maurice Sendak del 1963. E’ la storia del piccolo Max, che una sera mentre gioca in casa combina un guaio. Per punirlo sua mamma lo manda a letto senza cena. Nella sua cameretta, Max immagina una specie di giungla e intraprende un viaggio alla volta del Paese delle Creature Selvagge, di cui diventa il Re.
In Italia trovate qualche copia smarrita della traduzione del libro di Sendak uscita nel 1999 con il titolo Nel paese dei mostri selvaggi. Nel frattempo però, Mondadori pubblica in questi giorni nella collana Strade Blu Creature selvagge, l’adattamento dal romanzo di Sendak realizzato dall’enfant prodige della narrativa americana Dave Eggers, sul quale si è basato Jonze per il suo film.

Ecco il trailer del film con la musica degli Arcade Fire, in cui le Creature Selvagge mostrano a Max come lanciarsi sugli alberi.

Il film uscirà in Italia il 30 ottobre, nel frattempo il Moma, il Museo di Arte Moderna di New York dedica a Spike Jonze una retrospettiva giustamente surreale, a cominciare dal titolo: Spike Jonze: i primi 80 anni. E considerate che il regista ne ha da poco compiuti 39. In questi giorni il blog e aggregatore di Tina Brown, Daily Beast, ospita una lunga intervista in cui Spike Jonze racconta anche dei rallentamenti e delle polemiche sulla realizzazione del film.

Jonze, che ha realizzato forse il primo film per bambini e adulti senza sentimentalismi, e sicuramente senza alcun compromesso visivo, ha anche un blog per accompagnare l’uscita del film, We love you so. Fra collegamenti con altri artisti, a loro volta contigui con le arti visive e la musica, ma anche con la moda e la pubblicità, Jonze si conferma acuto promotore di se stesso e cerniera fantasiosa fra mondi apparentemente separati, e nello spirito di contributo educativo che caratterizza anche il lavoro non letterario di Eggers, ha realizzato anche un documentario sull’autore delle Creature Selvagge, che oggi ha 81 anni. Il documentario, Tell them anything you want, verrà trasmesso domani dalla rete HBO, nel frattempo potete guardare il piccolo video (non lo trovate su YouTube per ragioni di copyright territoriale). Noterete la straordinaria vicinanza fra i disegni originali di Sendak e le Creature del fim di Jonze.

Infine, Michael Moore, il cui nuovo film Capitalismo: una storia d’amore è stato presentato a Venezia e uscirà il 30 ottobre, sul suo diario online che potete ricevere anche iscrivendovi alla sua mailing list, si congratula con Obama per il premio Nobel, e alla sua maniera, ha parecchie cose da dirgli.

“Congratulazioni presidente Obama per il Nobel per la Pace – adesso per favore se lo guadagni”

Caro Presidente Obama,
è notevolissimo che lei venga oggi riconosciuto come uomo di pace. I suoi rapidi  e chiari pronunciamenti – che lei chiuderà Guantanamo, che riporterà a casa le truppe dall’Iraq, che vuole un mondo libero dalle armi nucleari, la sua ammissione con gli Iraniani che siamo stati noi a rovesciare il loro presidente democraticamente eletto nel 1953, il grande discorso che ha rivolto al mondo islamico al Cairo, l’eliminazione di quel termine inutile, “guerra al terrore”, la fine della tortura – tutti questi gesti hanno fatto sentire noi e il resto del mondo un po’ più al sicuro conisderato il disastro degli ultimi otto anni. Lei in otto mesi ha assunto un atteggiamenro appropriato e condotto questo paese in una direzione molto più sana di di mente.
Ma…
L’ironia che le venga conferito questo premio nel secondo giorno del nostro nono anno di guerra in Afghanistan non sfugge a nessuno. Lei ora si trova davvero in un momento cruciale. Può dare retta ai generali e espandere la guerra (per portare a una fin troppo prevedibile sconfitta) o può dichiarare finite le guerre di Bush e riportare a casa i soldati. Ora, questo è quello che farebbe un vero uomo di pace.
Non c’è niente di male nel fatto che lei faccia quello che l’ultimo tizio seduto al suo posto ha mancato di fare – catturare l’uomo o gli uomini responsbaili per l’omicidio di massa di 3 mila persone l’11 settembre. MA LEI NON PUO’ FARLO CON I CARRIARMATI E LE TRUPPE.  Lei sta perseguendo un criminale, non un esercito. Non si usa un candelotto di dinamite per sbarazzarsi di un topo.
I Talebani sono un’altra faccenda. Questo è un problema che deve risolvere il popolo dell’Afghanistan – così come abbiamo fatto noi nel 1776, i francesi nel 1789, i cubani nel 1959, i nicaraguegni nel 1979 e la gente di Berlino est nel 1989. C’è una sola cosa certa delle rivoluzioni fatte dalle persone che vogliono essere libere: alla fine dei conti, devono trovare quella libertà da sé. Gli altri possono sostenerli, ma la libertà non arriva consegnata sul sedile davanti del blindato di qualcun altro.
Lei adesso deve concludere il nostro coinvolgimento in Afghanistan. Se non lo fa, non avrà altra scelta che restituire il premio a Oslo.

Michael Moore

PS la sua opposizione ha passato la mattinata ad attaccarla per aver portato tanto bene a questo paese. Perché odiano tanto l’America? Ho la sensazione che se lei trovasse la cura per il cancro questo pomeriggio la denuncerebbero per aver distrutto la libertà d’impresa perché i centri di ricerca sul cancro dovrebbero chiudere. Ci sono persone che sostengono che lei non abbia fatto niente per meritare questo riconoscimento. Per quel che mi riguarda, il fatto stesso che lei si sia offerto di camminare nel campo minato dell’odio cercando di disfare il danno irerraparabile fatto dall’ultimo presidente non solo è apprezzato da me e da altri milioni di persone, ma è anche un atto di vero coraggio. E’ così che lei ha vinto questo premio. Il mondo intero dipende dagli Stati Uniti – e da lei, per salvare letteralmente questo pianeta. Non deludiamolo.

Le musiche di oggi erano “As time goes by” di Billie Holiday e “Come home to me” di Steve Earle.

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail