Archivi tag: Sophie Calle

non lasciarla via e-mail

sophie-calle-talking-to-strangers

Dopo le notizie disordinate arrivate in questi giorni sul massiccio black-out elettrico che ha colpito diversi distretti del Brasile,ho cercato i resoconti dei blogger; naturalmente, una buona parte non potevano bloggare perché si sono ritrovati senza luce (la città più colpita è stata Rio, e il blackout ha interessato milioni di persone) e per di più – cosa che mi provoca enorme sconforto – io non parlo portoghese. Ecco allora il resoconto in inglese di uno straniero che blogga dal Minas Gerais, dove la luce non è andata via.

” Per quelli che stanno seguendo le notizie sul black-out in Brasile, ecco cosa posso raccontarvi: alla diga di Itaipu, la più grande del mondo, che produce energia per quasi tutto il sud del Brasile, si sono bloccati 18 generatori, lasciandone così attivi soltanto due, quelli che mandano energia in Paraguay.  In una intervista telefonica, i conduttori del canale Globo  hanno fatto domande incalzanti a un portavoce della diga di Itaipu, alle quali questi ha avuto ben poche risposte, dicendo che a causare il problema potrebbe essere stato il vento. La parte peggiore è che secondo questo portavoce ci vorranno due o tre giorni per ripristinare del tutto la fornitura elettrica. Resta il fatto che le sue risposte a queste domande stringenti e intelligenti  sono state straordinariamente vaghe. Io mi trovo nello stato del Minas Gerais,  nel sud-est del Brasile, e qui abbiamo ancora la luce, anche nella capitale, Belo Horizonte. Non c’è stata nessuna notizia di esplosioni di violenza o di gesti criminali. Primo aggiornamento:  Itaipu rifornisce di energia elettrica un buon 20% del Brasile. La persona che gestisce la diga – un’azienda statale – è stata nominata dal presidente Lula. Il blackout ha colpito anche la capitale, Brasilia, e diversi altri stati. Secondo aggiornamento: le forti tempeste sul fiume Paranà fanno pensare che i responsabili della diga abbiano qualche ragione quando dicono che il guasto è legato alle condizioni metereologiche.  La diga di Itaipu funziona in accordo fra Paraguay e Brasile, e il grosso dell’energia va a quest’ultimo. Inizialmente, l’elettricità è mancata anche sul lato paraguayano, ma è tornata rapidamente. Secondo l’AFB, l’energia è tornata dopo quattro ore”.

*

L’artista francese Sophie Calle arriva alla Whitechapel Gallery di Londra con una mostra fantastica. Più di 120 fra amiche e colleghe hanno fornito la loro interpretazione di un’e-mail di 20 righe con cui Sophie è stata lasciata dal suo fidanzato. Fabio Barbieri è andato a vederla, leggete qui il suo racconto e ascoltatelo nel podcast di oggi qui sotto.

*

Siete abbastanza grandi da ricordarvi V-Visitors, la serie televisiva degli anni Ottanta, un po’ fatta in casa, con gli alieni rettili? Ebbe un grande successo anche da noi, e si è parlato per anni di un remake moderno, con attori da cast di grande fiction americana; trovata la leader degli alieni nell’italo-brasiliana Morena Baccarin, il remake arriva finalmente sulla Abc (e su Joi) grazie agli autori originali della prima serie. Oltre a ricordarci quella riflessione di qualche giorno fa sulla “paura dell’invasione” che gli americani sublimano nella fiction e nell’ansia per la suina, quando vedrete questo trailer non potrete fare a meno di pensare che da noi in Italia i Visitors sono già arrivati da un pezzo.






Le musiche di oggi erano “Just breathe” dei Pearl Jam e “Lovestruck” degli Hush

Ecco la puntata di oggi:

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Per scaricarla sul tuo computer clicca qui.

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail