Cuba 2016: el cambio

La quinceanera

Onde Road torna a Cuba a un anno di distanza. La curiosità principale è una: vedere, per dirla con un’espressione presa a prestito dai cubani, come procede il “cambio”: quel processo di piccoli e grandi cambiamenti che il governo di Raul Castro cerca di controllare e dirigere, mentre parallelamente procede il processo di riavvicinamento agli Stati Uniti. Processo che procede, ma non ha ancora eliminato l’embargo statunitense nei confronti di Cuba, in essere dall’ormai lontano 1962. Lo scorso ottobre infatti l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato, a larghissima maggioranza (191 su 193 paesi), a favore della fine dell’embargo. Gli unici due “no” sono arrivati dai rappresentanti di Israele e degli Stati Uniti. Ma nonostante ciò Cuba sta cambiando… Una delle più grandi novità che ho riscontrato, rispetto alla mia visita dello scorso anno, è la parziale liberalizzazione di internet oggi accessibile a tutti i cubani che possono permettersi uno smartphone o un pc. Il governo ha aperto decine di hotspot dove le persone possono accedere a Internet. Cinque sono a L’Avana. Il più popolare e simbolico è quello della Rampa, una della vie più note della capitale: ovvero il tratto di strada in salita lungo circa un chilometro di Calle 23, un’arteria vitale ed affollata a qualsiasi ora del giorno e della notte. Giovani e adulti comprano carte che per due CUC (circa due Euro) consentono un’ora di collegamento, e poi si accalcano sui muretti del viale per inseguire i loro sogni. Questi spazi wi fi oggi sono attivi in tutta l’isola. Li ho trovati facilmente sia a Vignales, cittadina agricola dell’occidente cubano, che a Remedios, un borgo fuori dal tempo a nord di Santa Clara. Basta cercare la piazzetta dove si raccolgono decine di persone armate di cellulari e pc. Accanto a loro è sorta una piccola economia parallela fatta di venditori ambulanti che smerciano noccioline salate e bibite, oltre a ‘bagarini’ che rivendono con la maggiorazione di 1 CUC (tre anzichè due) le carte con i codici per accedere a Internet. Ma il cambio si ‘sente’ anche perchè per la prima volta è sbarcato a Cuba un oggetto del quale nell’isola caraibica si erano perse le tracce da oltre mezzo secolo: un pianoforte a coda Steinway. I cubani di Miami tornano tranquillamente ‘a casa’ per celebrare la quinceanera, la festa che i latino-americani celebrano per i 15 anni delle loro figliole, perchè a Cuba ovviamente costa molto meno che negli States. Il “cambio” ci viene raccontato anche da Paola Larghi del CISP, Comitato Internazionale dei Popoli, una Ong con sede a Roma che da 20 anni lavora a Cuba (Paola ci lavora in prima persona da 10). Da uno storico, professore di Antropologia presso la Universidad de la Habana. E da Salvador Gonzáles Escalona, autore dei murales del Callejon de Hamel… Storie e ipotesi di un processo di cambiamento sociale e politico che nessuno è in grado di dire dove porterà…

Ascolta il podcast:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *